Archivio mensile:dicembre 2012

Cretini Su Ruote

Caro lettore,

il mio spirito natalizio è stato smorzato un paio di volte nell’ultimo periodo; non so perché quelli che non sanno guidare non solo si sfogano la domenica riversandosi nelle strade e facendoti venire voglia di mangiarti la patente perché se guidano anche loro non ha senso che tu abbia fatto fatica a prenderla studiandoci su, ma decidono di moltiplicarsi e smettere di essere animali rari soprattutto nel periodo delle feste.

Sarà che anche loro devono comprare i regali.

Sarà che uscendo di casa solo una volta a settimana hanno imparato a parlare coi ragni e riscoperto la Penicillina con la loro muffa.

Sarà che respirano anche loro e quindi hanno bisogno d’aria fresca.

Sarà quello che vuoi, ma io non ne posso più!

tumblr_lpgt21U78k1qlyxwso1_500

Situazione 1

L’altro giorno tranquilla e giuliva sulla mia macchinina passo in una strada stretta e mentre ero a metà di una  macchina quell’afasico del proprietario decide che doveva per forza uscire dal parcheggio, costringendomi a schivarlo, l’ho visto poi dallo specchietto retrovisore con la faccia persa di chi non sa cosa sia successo, con i capelli un po’ spettinati e lo sguardo da triglia, che esclama smarrito dove mi trovo…?

Gli specchietti laterali esistono per un motivo, usali!! invece di donarli alla comunità dei piccioni come gratuito accumula-guano.

tumblr_lzcwgkC8Dz1ro060eo1_500

Situazione 2

In collina, oltreché una comunità che con la neve non ci va proprio a braccetto ( cfr Spirito Natalizio Parte2) abbiamo anche dei pazzi scatenati che solo perché cel’hannogrosso (e parlo del SUV) devono dare problemi…

Sempre l’altro giorno appena schivato l’afasico e quasi smaltita l’adrenalina arrivo ad un incrocio al quale ho chiaramente precedenza in quanto quelli a destra hanno dei triangoli per terra tanto grossi che riportati su stoffa potrebbero essere una degna bandiera bianca di resa visibile da diversi metri. Ma no! Lui che ha un SUV nero tanto alto da avere i fari all’altezza delle mie tempie decide di dare precendenza a quello prima di me e non a me, io mi giro continuando ad andare piano nella speranza che lui capisca che si deve fermare, ma no lui mi guarda in faccia e va avanti, anche qui lo schivo e mi defilo avendo rischiato di prendere quello che arrivava dal senso di marcia opposto… solo dopo, 3 o 4 curve dopo, ho reagito e gli ho gentilmente chiesto di passare nell’aldilà, non credo mi abbia sentito.

Allora complessato dei miei stivali che sostituisce il fatto di avercelo piccolo con una macchina impossibile da parcheggiare, triangolo rosso e bianco vuol dire dare precedenza così come quei disegnini strani per terra che a te sembreranno una rivisitazione delle produzioni del paleolitico… Dimmi dove abiti che sono ancora in tempo a regalarti una bici,grande lo prometto, d’antiquariato, tanto per te contano solo le dimensioni…

tumblr_lmceyytspO1qjiigvo1_500

 

Altra categoria di automobilisti che non sopporto sono quelli che devono per forza stare in pole position al semaforo, ma così tanto in pole che non vedono quando scatta il verde e porca vacca non partono, allora caro essere insulso, io se sono davanti a tutti ho l’ansia, non voglio far aspettare nessuno, mi faccio venire la supervista e i super riflessi per partire prima che i tuoi occhietti vacui abbiano percepito il cambio di colore dal rosso al verde, io sudo freddo per non farti aspettare, per favore fai lo stesso invece di metterti davanti e cominciare a costruire un modellino del Titanic in scala voltato verso il sedile del passeggero, che di solito abbiamo da fare, grazie…

N.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

Spirito Natalizio Parte 3: io a braccetto con i Maya

tumblr_mf9b8gvYeA1qfdq4vo1_500

Caro lettore, non so tu, ma io un po’ nella fine del mondo ci speravo. Ci speravo non perché io mi sia riempita di debiti o abbia rapinato una banca nella prospettiva di morire oggi, ma perché sono irreparabilmente in crisi con i regali di Natale.

E’ una crisi dettata da una scelta personale: io devo trovare il regalo perfetto. Adoro le facce della gente che si illuminano perché ho comprato proprioquellacosalì.

Odio l’espressione “è solo un pensierino” grandissimo stronzo, se non avevi la minima idea di cosa comprarmi, dimmelo, non ridurre il tuo tempo di shopping a zero per poi comprarmi una cosa che con me non c’entra niente tipo un pijama integrale con tanto di piedi o un abbonamento per lo stadio, perché a me la faccia da donna soddisfatta viene bene,ma a questo punto mi dispiacerà l’essermi girata la città intera per trovare qualcosa che davvero si addica a te.

Non parlo di regali costosi, non parlo teneramente con i diamanti nella speranza che crescano bene quanto le piante, è questione di conoscere la persona a cui stai andando a comprare qualcosa, è questione di tenerci. Cavoli.

Se poi è la cosa giusta anche se costa tanto la prendo, sono arrivata a fare un regalo da 175€ perché era proprio lui, mi parlava dalla vetrina, dovevo prenderlo, poi i regali fatti a questa persona si sono ridotti a cose molto più economiche per l’impossibilità di ripetermi, ma il colpaccio ormai l’avevo fatto.

Si può anche non spendere nulla, posso ricevere regali che costano zero, ma sono ragionati, non so se rendo l’idea, un qualcosa che ti strappi un sorriso, ti riporti alla mente bei momenti, come un album di vecchie fotografie dalla tua migliore con tanto di commenti accanto alle istantanee.

L’importante è trovare qualcosa che scaldi il cuore…

Detto questo sono in alto mare, non mi sono illuminata neanche un po’ e credo che mi prostrerò ai piedi dei miei amici e parenti alla ricerca di perdono per non aver trovato la cosa giusta perché i Maya mi hanno fregata e non hanno mantenuto la loro promessa, non dirò mai “è solo un pensierino.” piuttosto la morte.

N.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Disperazione alla fragola

Caro lettore, per oggi un titolo sdolcinato per cui i già pochi uomini che mi seguono allontaneranno il viso dallo schermo con una smorfia e quel leggero moto di schifo che ti prende lo stomaco; ma è stata una giornata strana e mi serviva un titolo altrettanto singolare, quindi perdonatemi…

Stamattina, me tapina, ero da sola a fare colazione, entro al bar e c’era un silenzio surreale, il solito DVD del concerto di Lady GaGa a New York aveva un volume troppo basso per i miei gusti: se il rumore che sento di solito è solo prodotto dal casino che facciamo io e CJ, allora abbiamo un problema, non solo perché disturbiamo la quiete pubblica, ma perché a questo punto sento le voci.

Mi avvicino al bancone, ordino e dico ad Alphie “Ma che silenzio c’è oggi?”

“Eh… stai zitta,no?”

Lo amo.

Poi se n’è andato non so in quale meandro del locale cantando So happy I could die ed è tornato con gli occhi lucidi…

nini… chissà cosa gli è successo…

“Ho solo sonno…” sì sì, tutte le donne dicono così…

Dopodiché vado a lezione e, essendo sola, cerco una compagna per le prossime 2 ore, la trovo, la individuo, le faccio segno di avvicinarsi e poi un terrificante pensiero nasce nella mia mente… era la stessa che qualche giorno prima aveva il famoso profumo all’ano di unicorno (odori-molesti), non potevo più tornare indietro.

Si avvicina a me ed oltre a sapere di zucchero filato e macedonia sapeva anche di fumo, davvero un bell’inizio di giornata. Mi sono presa il naso tra le mani e ho cominciato a respirare l’odore della mia crema, in mancanza di un sacchetto di carta per cercare di calmarmi…

Volevo quasi farle qualche domanda…

mi vedevo già la scena…

“Che profumo usi? Ma soprattutto perché?

Cavoli, non te l’ha mai detto nessuno che esageri? non lo senti? Quando l’hai scelto a cosa pensaviIlluminami!

Ho solo avuto la forza, in preda a mal di testa e nausea (dev’essere una tipologia di profumo woodoo per risucchiarti le energie) di mandare un messaggio a CJ pieno di disperazione, mi sono calmata quando ho letto: Dai che arrivo! 🙂

Sì ti prego salvami, porta degli Air Action Virgosol e stendiamola con lo scoiattolo che spero salti fuori dalla scatola!

tumblr_mde8dv0wGh1rgsnf0o1_500

N.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Tra Sauasseri, Lupi e fidanzati

Caro lettore, oggi è stata una giornata piena di rivelazioni, fin dalla mattina.

Appena io e CJ abbiamo finito di sorseggiare il nostro marocchino (grande rivoluzione, perché di solito ci diamo a caffè e succo alla pesca), ci siamo dirette verso la cassa per saldare il nostro debito giornaliero, una volta lì sentiamo “Ehi Luca!” CJ si gira spaesata cercando chi rispondesse a questo nome mentre Alphie, il nostro amato barista si gira con non chalance e risponde… Al che, un po’ stranite dall’accaduto chiediamo ad Alphie “Ma scusa, quindi ti chiami veramente Luca?” “Certo, ve l’ho anche detto…” Shock anafilattico.

Flashback per gli assenti alla lezione precedente:

[…]Mossa da non so quale tipo di curiosità CJ decide di buttarsi e chiedere:
“Come ti chiami?”
B:”Alfredo.”
CJ:”… Ma smettila!!!”
*barista sconcertato rimane in silenzio basito…*
CJ uscita dal bar per vergogna verso se stessa torna dentro e gli chiede
“No dai davvero, come ti chiami?”
B:” Luca, mi chiamo Luca…”
Secondo me si chiama Alfredo e si è offeso.

E da quel momento abbiamo continuato a chiamarlo Alfredo senza porci il benché minimo problema… figuraccia. Per diversi giorni.

Sapendo (erroneamente) che il barista si chiamasse Alfredo, non ero stupita dal fatto che il faicaffè si potesse chiamare Lupo, ma abbiamo comunque deciso di verificare…

“Scusa, tanto per sicurezza… tu ti chiami Lupo?”

“No, Fabrizio.”

“Ma lui ti chiama Lupo…”

“Sì, mi chiamano Lupo perché sono tutto peloso.”

Grazie. Dopo questa tua dichiarazione la mia maggior ambizione sarà riuscire a venire a letto con te…

Passando avanti, con l’immagine di Lupo che, cavoli, non sembra voler cedere a sbiadirsi oggi voglio presentarvi un nuovo essere mitologico, dopo lo Struzzavolo arriva il Sauassero.

Il Sauassero, per precisione è il mio esimio professore di economia, a mio parere un genio, ma è uno di quei geni, grazie al cielo, convinti che la lezione vada sdrammatizzata con qualche battuta qua e là, ma noi sappiamo già quando sta per sparare una delle sue perle perchè prima di enunciarla gonfia il suo petto come un piccolo passerotto che ha adocchiato una mollica di pane e cerca di spaventare il più imponente piccione; inoltre un sorriso storto gli si disegna sulla faccia, aspettandosi che tutti ridano,ma a partecipare rimangono puntualmente solo grilli e balle di fieno che rotolano nel silenzio… Mentre lui ignaro e pettoruto continua a sorridere…storto.

La giornata però non si conclude qui, ti avevo avvertito: una giornata densa.

Durante la pausa pranzo decido di andare con CJ da Tally Weijl (viva la pubblicità agggratis) per provare un vestito che volevo comprarmi per capodanno; arrivo, entro, lo trovo e scopro che è anche scontato del 50%  giornata fortunata, mi dico, allora vado in camerino e lo provo; mi metto in mezza punta a piedi nudi davanti allo specchio con il mio scintillante e splendido minidress, mi faccio fare una foto da CJ per mandarla alla mia metà e riscontrare una conferma nell’acquisto.

Header_Campaign_4

sì o no?  chiedo

La risposta che mi arriva…?

Dovresti mettere un paio di tacchi.

reazione

Donne di tutto il mondo, unitevi e mostratemi la vostra solidarietà, ve ne prego…

N.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lo Struzzavolo e la Regina Elisabetta

Caro lettore, oggi è lunedì, il che vuol dire solito bar e solita compagna di sventure.

Sfortunatamente oggi Alphie non ha dato il meglio di sè, non era poi così tanto allegro, è esploso solo quando una dignitosa signora e famiglia sono usciti dal locale,allora ha attaccato a dire “ciao…ciao…ciao…ciao” muovendo la manina come Her Majesty The Queen Elizabeth II poi si è calmato e la cosa è più o meno morta lì, spero che domani stia meglio, un personaggio del genere non può e non deve finire nell’ombra… sennò poi io e CJ la mattina cosa facciamo?

Il meglio è arrivato tra le 10 e le 12 del mattino durante la lezione di macroeconomia; devi sapere che la settimana scorsa sono stata abbordata da un tipo parecchio old-fashioned, di quelli che non è che di nerd hanno solo la montatura degli occhiali, no, hanno il gene espresso nella sua totalità e finiscono col farti anche un po’ tenerezza. Bene, io avendo narrato tutto ciò a CJ non ho mancato di riferirle di un avvenimento unico, vicina all’old-fashioned, che cerca di intavolare un discorso con me mentre io cerco rapidamente con gli occhi qualche uscita laterale e stringo il pugno ad una maniglia anti-panico nella speranza di sentirmi meglio, guardo il suo smartphone e gli chiedo “Come mai questo screensaver?” (per la cronaca la foto di un disegno in bianco e nero di un libro)

*Rullo di tamburi, fiato alle trombe, suspance*

“Perchè mi chiamano il diavolo.

CJ ti prego dove sei? Ho bisogno di te in questo momento,ti prego, dimmi che l’hai sentito anche tu, non credo che riuscirò a non scoppiargli a ridere in faccia… A pensarci bene forse è meglio che tu non sia qui, non avrei mantenuto un’espressione decorosa altrimenti…

“Ah,davvero? E come mai?”

“Eh… è una lunga storia…”

No, ti prego, non lasciarmi così, parliamo dei tuoi problemi, tutti hanno bisogno di una spalla su cui piangere ogni tanto…

Al che oggi ho diligentemente indicato a CJ l’old-fashioned e lei ovviamente non ha esitato a tirare fuori le sue perle di saggezza…

“Ma non è un diavolo, al massimo sembra uno struzzo, guardalo, prendi uno struzzo, mettigli gli occhiali ed è lui, è pure ultrapiatto, se si mette dietro a quella ragazza non si vede… Ti rendi conto che riesce a sparire dietro ad una ragazza? Dovremmo comprare una Sim apposta, solo per fargli gli scherzi telefonici…”

Morale, ecco a voi lo Struzzavolo (mancano gli occhiali,ma fatevelo andare bene…)

N.

20080629183453!Struzzo

;

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

Spirito Natalizio Parte 2

Mentre voi, abitanti di centro città, vi svegliate euforici ed uscite di casa contenti che stia cadendo la neve, noi abitanti di collina ci svegliamo con questa faccia qui:

tumblr_mbdhphlc2z1qafgl6o1_500

 

La mia prima esclamazione stamattina non è stata “Ooooooh la neveeee!!!”, è stata “Porcaccia. Nevica” dopodiché cellulare-rubrica-fidanzato-chiama sali con la pala e aiutami ad uscire di casa.-fine della telefonata.

Non c’è felicità nei nostri occhi, sappiamo già che neve vuol dire scendere ai 10 all’ora dalla collina con la vecchietta di turno con tanto di bastone che ti supera insultandoti, che dalla solita curva cieca arriverà il solito cretino in mezzo alla strada per cui dovrai sperare di sopravvivere.

Non selezioniamo vestiti fashion per uscire di casa,no! Prendiamo vestiti da lavoro per spalare via la neve da davanti casa, il mio vicino è più all’avanguardia, lui ha un mini spalaneve motorizzato e gode come una faina lì seduto sul suo marchingegno: un bimbo che guida la macchinina…

Dopodiché prima di uscire di casa diamo voce ai corni e ci riuniamo tutti insieme in giardino, ci mettiamo in cerchio, accendiamo un falò, balliamo a saltelli e recitiamo il nostro mantra della neve “smetti di scendere smetti di scendere u-ah-ah” e alla fine sgozziamo un coniglietto di cioccolato.

Non sono contro la neve, fa tanto pensare al Natale, è vero, ma la adoro solo quando non rischio di sfracellarmi contro un muro, in montagna per esempio potrebbero scenderne 15 metri… viva lo snowboard! ma qui in collina, no! giù il 24, giù il 25 e per il 26 mattina alle 7 nondev’essercenepiùtraccia.!

Poi però arrivi in città col tuo cappellino e il tuo paio di guanti, cammini per strada, non fa neanche troppo freddo e allora un sorrisino piiiiccolo piiiiccolo ti si disegna sulle labbra, anche se alzi gli occhi al cielo e con un tono un pochino più soave esclami “Vedi di non attaccare per terra.”

N.

Ps: adotta anche tu un collinaro a distanza che è costretto a lavorare tutte le mattine per spalare la neve per poi andare a lavoro! ❤

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Spirito Natalizio Parte 1

Caro lettore, non so tu, ma io ho seri problemi col Natale, non sono tipo il Grinch, non lo odio… Ho un’allergia alle luci di Natale della mia città.

Torino.

Prima capitale d’Italia.

Città d’Arte.

E chi più ne ha più ne metta, ma tutti gli anni mettono veramente troppe cose, quello che ci sono qui non sono luci di Natale!!!

Niente a che vedere con quello che c’è a Londra; fiocchi di neve giganti, bastoncini di zucchero… NO! Da noi ci sono cose come:

fiocchi2

 

Che cos’è? come dovrebbe rappresentarmi il Natale? Io capisco che ci sia un progetto chiamato “Luci d’artista” per cui questi sono pezzi d’arte di cui andare orgogliosi, ma metteteli ad aprile, che tanto viene buio lo stesso e le guardiamo volentieri…

2010lucitorino05

 

Queste. Le odio. Mi fanno venire l’ansia e ci sono da anni perché le deve aver fatte qualche esimio architetto supergenio e quindi…vantiamoci!

5232598764_a56db9174c_zQueste poi… l’apoteosi mi ricordo che (fortunatamente non ci sono più) le guardavo e non capivo… perché si prendono a testate? Infondo è Natale… E non azzardatevi a dirmi che si stanno baciando perché si stanno prendendo a testate. Punto.

Le disgrazie però non finiscono qui, oggi non ho visto CJ, ma ha contribuito alla mia creatività mandandomi una foto per la quale le parole non servono perché dovete sapere che oltre al Comune ci danno dentro anche i torinesi:

foto

 

Adesso dimmi, cos’è sta roba?!

Uno spunto di unicorno?

Michael Jordan che salta?

La Tour Eiffel?

[Cit. CJ]

L’anno prossimo contattatemi che vi presto le mie di luci, sono vecchie quanto me, ma fanno più bella figura.

N.

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

L’importanza di chiamarsi Alfredo

20121212-082146 PM.jpg

Caro lettore, come promesso oggi ho un mistero da svelarti, ovviamente mi sono bruciata tutto col titolo, ma era bello e quindi rimarrà quello!
Stamattina solito posto, solito bar, solita compagna di sventure, ci troviamo di fronte al BK pronte ad entrare per scoprire il vero nome di “Luca”; entriamo ed esclamiamo “Ciao Alfredo!” Ha risposto “ciao” con non chalance, si chiama Alfredo, abbiamo vinto.
Ci guarda ed esclama: sono un unicorno stamattina!
*si mette il classico decoro appuntito che si mette in cima all’albero di Natale sulla fronte*
Poi ci scruta… “Ciao CJ! E tu… Tu ti chiami…”
Io:”N.”
A:”… Che nome del cazzo! Ma i tuoi ti odiavano già da piccola?”
Lo adoro, giuro.
Una volta fatta colazione dopo almeno un mese di andirivieni riusciamo ad ottenere la tessera sconto del bar, quel tirchio di Alphie ce le aveva ammassate in una bocciona di vetro dietro la cassa e non si è mai degnato di darcele… Siamo tornate cattive e determinate all’ora di pranzo per accumulare punti, e che cavolo!

Come non bastasse oggi CJ si sentiva scintillante (colpa dei trucchi della MAC?!) si sentiva scintillante e si sentiva un unicorno “non lo vedi il mio corno, non lo vedi?” Ha preso la scossa 200 volte, toccando qualsivoglia superficie, credo fossero le sue sinapsi ad andare in corto circuito nel disperato tentativo di ripristinarsi…
torna in te torna in te torna in te…

N.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Odori molesti

tumblr_meoi5clZB71qldrydo1_500

Come già detto nel post di prima, CJ oggi è stata una fonte inesauribile di ispirazione, le nostre disavventure infatti non si sono concluse al bar (per maggiori informazioni consultare “Sventure al bar: Day 1).

Dopo la nostra ricarica di caffeina ci dirigiamo verso l’aula per assistere alla lezione di sociologia, dopo un po’ CJ si gira verso di me con un’espressione strana e mi dice “ma lo senti quest’odore? questo profumo nauseante? chi è? chi cavolo è? che profumo di merda…”

Morale, dopo qualche minuto il mal di testa è venuto anche a me, cara sconosciuta, o caro sconosciuto, sappi che i profumi della Malizia all’ano di unicorno non vanno più di moda, quindi…risparmiaci!

Ben contente della fine della lezione di siamo dirette verso la seconda aula per la lezione successiva, prendiamo posto e cominciamo ad ascoltare ciò che l’erudito professore ha da trasmetterci, dopo qualche nano secondo rivedo la stessa faccia preoccupata di CJ di prima, unica differenza: è paonazza di rabbia: scoppio a ridere per partito preso, poi le chiedo cosa non vada…

“Questo qua davanti puzza di sudore in una maniera allucinante…”

Il signorino alza l’ascella e mi rendo anch’io conto del problema, comincio a ridere, cosa che mi permette involontariamente di smettere di respirare e salvarmi. Dopo un’ora di profonda agonia durante la quale la mia compagna di sventura non riscontra nemmeno un briciolo della mia solidarietà poiché continuo a scompisciarmi, la vedo tirare fuori dalla borsa delle diplomatiche caramelle alla violetta con la palese idea riflessa negli occhi lucidi di ficcarsene una per narice e smettere di soffrire.

Finita la lezione, non finisce il casino…

Le donne,specialmente CJ dopo 4 ore di lezione hanno l’impellente necessità di andare in bagno e fare la coda.

L’unico pensiero a cui riesce a dar voce la mia compagna di sventure è “Se ci sono odori schifosi anche qui impazzisco.”

Dal bagno occupato: *Prrrr*

Guardo CJ che prima esclama “eh…” poi diventa di nuovo paonazza, io al solito scoppio a ridere, dopo qualche nanosecondo sento una porta sbattere: CJ non ce l’ha fatta: è andata nel bagno degli uomini.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Sventure al bar: Day 1

20121211-022327 PM.jpg

Caro lettore, oggi ti presento CJ, la mia compagna di sventure universitarie che oggi è stata fonte inesauribile di ispirazione.
Per mia disgrazia, o per tremenda fortuna del mio ragazzo, ho la voce bassa, roca al che , appena entrate nel solito bar, il cassiere mi fa “hai perso la voce?” E io, reduce da un sacco di domande di questo tipo, ho risposto “sisi, mi sono raffreddata a Londra…” E lui “ti sta benissimo!” Al che mi sono gasata!
Oggi stesso bar, stesso cassiere, stessa compagna di sventure.. Avendo capito che avrei frequentato il solito posto almeno per i prossimi sei mesi, non so perché mi è venuta un botta di onestà e ho pensato di dovergli dire la verità… (Anche perché se mi dici che il tono basso mi sta bene, io mi carico!) dato che continuava a chiedermi come stesse la mia gola…
CJ: dobbiamo dirti un segreto…
B:ma i segreti non si dicono…
CJ: ma così non ti fai più figure di merda…
*barista nel panico che si gira di scatto con gli occhi spalancati e molla tutti i caffè*
Mi guarda tutto serio e mi fa
“sei trans?”
Mi sono fatta una sana, grassa risata…
“No è che parlo sempre così…e poi ieri mi hai detto che stavo bene… Non so più a cosa credere..”
Dopodiché caffè, brioche, succo di frutta..ci alziamo e andiamo a pagare, mossa da non so quale tipo di curiosità CJ decide di buttarsi e chiedere:
“Come ti chiami?”
B:”Alfredo.”
CJ:”… Ma smettila!!!”
*barista sconcertato rimane in silenzio basito…*
CJ uscita dal bar per vergogna verso se stessa torna dentro e gli chiede
“No dai davvero, come ti chiami?”
B:” Luca, mi chiamo Luca…”
Secondo me si chiama Alfredo e si è offeso.
A domani la prova per capire come si chiami veramente… Stay Tuned!
N.

Contrassegnato da tag , , , , ,